confronto fra torni...
 
Notifiche
Cancella tutti

confronto fra torni buoni e ottimi


marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Spesso ho sentito dire che Vicmarc o Oneway sono ad un'altro livello rispetto a Jet, Killinger, Neureiter, Magma ( non Titan ), e che certe cose le fai con i primi ma non con i secondi; ma cosa significa nella pratica? Che ci sono così poche vibrazioni che puoi lavorare spessori più sottili, o che la rumorosità è chiaramente inferiore, o che si rompono meno, o cos'altro ?

Perchè dovrebbe valere la pena spendere 5000 euro per un Vicmarc VL 240 o per un Oneway 1640, rispetto, ad esempio, ad un Neureiter Stratos 230 o ad un Killinger 1450 che costano entrambi la metà?


Citazione
Alessandro Saraceno
(@ceno)
Estimable Member Soci
Registrato: 10 mesi fa
Post: 210
 

Ti do la mia visione, ma prendila con le pinze, io ho un tab 040 😅 e non ho provato questi torni. Secondo me è la stazza e conseguente stabilitá che diversifica le 2 fasce di torni, ma penso anche che un bravo tornitore ottiene ottimi risultati indifferentemente dal tornio che usa


RispondiCitazione
Emiliano
(@emiliano)
Estimable Member Soci
Registrato: 11 mesi fa
Post: 190
 

ciao, premetto che tornisco da pochi mesi ma se un pezzo è sottile vibra. non dipende dal tornio. generalmente in meccanica si paga la precisione delle macchine, data dai giochi tra i vari elementi. e si pagano i materiali perché ad esempio se devi fare un banco in ghisa, la ghisa bianca non costa come la sferoidale ecc.


RispondiCitazione
Roberto Cecconello
(@roberto-cecconello)
Presidente , CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1725
 

Le differenze fra macchine come quelle citate sono nelle richieste,nelle preferenze, del tornitore.

Oltre a particolari che fanno la differenza:un Vicmarc 300 ha un baricentro molto basso perchè il suo letto dista 30 centimetri dal centro di rotazione;un tornio che abbia uno swing inferiore (per es.uno Stratos 230) a parità di sbilanciamento non reggerà il confronto.

Le masse in gioco sono importanti,anche:non solo per il peso ma soprattutto quando confrontiamo la distanza fra i due supporti dell'albero e le dimensioni dei cuscinetti che lo reggono.

Poi..parliamo di macchine per la tornitura artistica,ovvero torni intorno a cui dovresti poterti muovere agevolmente e quindi a banco corto. Non è un caso che Jet abbia dovuto mettere in commercio la versione "B" ,banco corto, del 3520 il suo tornio d'elite..

Una cosa è certa:per comprendere il reale valore di un tornio occorre provarlo e non solo per 10 minuti; i "sentito dire" quando parliamo di certe cifre non servono a molto. 😉 

 

 

 


RispondiCitazione
Kermit
(@kermit)
Soci,CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1212
 

Il mio vissuto e la mia scelta:

Nei miei bei ricordi ci sono i raduni, in uno in particolare si vive in una falegnameria per un paio di giorni, a Viterbo alla Malaspina. Il buon Giacomo ha di tutto di più, ha anche fatto un video molto istruttivo per la scelta del tornio entry level.

In questo appuntamento, Richard aveva da poco iniziato la partnership con killinger (premetto che mi erano rimasti impressi da un video in passato). Oltre a quanto raccontato da Richard stesso, che essendo un vero tornitore e non solo un commerciante, ha scelto killinger proprio per la qualità del prodotto. Intanto che si rideva e scherzava c'era un grosso pezzo (più di 30cm di credo ulivo o simili) pesante penso una decina di chili ancora sbilanciato. Ci si lavorava un po' tutti. Si andava a 500,g/Min col 1450. L'ho preso personalmente e montato sul vicmarc 300 di Giacomo... Beh... In quel caso la velocità era la medesima, forse una 50 massimo di giri in più, ma era roba di poco.

Da lì ho continuato a cercare anche vicmarc, ma poi mi sono convinto, ho fatto lo sforzo e preso il 1450. Avevo fatto costruire un paio di gambe , ma mi sono dovuto arrendere alle originali. In più ho messo un po' di zavorra per limitare le vibrazioni, ho anche il pavimento super liscio...

C'è chi fissa il tornio al pavimento.. ma vuol dire che tutte le vibrazioni vengono scaricate sugli organi.

Immagino che chi ha la sensibilità di capire le differenze tra i vari modelli, sia un grande... Io dico che il 1450 va benone, tutto il resto è un mio problema...

Il vicmarc 300 ha un senso, il 175, già molto meno, il 240 non me lo ricordo... Sono stabili e precisi, ma poi si torna sempre: che cosa ci vuoi fare? 

I vicmarc hanno la testa fissa (che li rende forse più stabili col motore sotto...) Il 1450, ad esempio ha la testa che ruota e trasla, per cui hai versatilità diverse a patto di perdere qualcosina in stabilità e vibrazioni.

Oneway e jet e... Non li ho visti da vicino... Ma anche avere l'assistenza vicino casa... 


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

@roberto-cecconello


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Quindi, Roberto, secondo te: un Vicmarc 240 ti permette di lavorare pezzi più grandi/lunghi di uno Stratos 230 ? Il primo mi risulta avere un diametro dell'albero di 32mm scarsi e una distanza fra i cuscinetti di 150 mm, il secondo un diametro di almeno 35mm e una distanza fra i cuscinetti di 240mm. Non ho idea, invece, della qualità dei cuscinetti.

Credo che il Killinger 1450 si avvicini alle misure dello Stratos

Pensando a pezzi grandi, quindi, il primo vale il doppio della spesa?

Li andrei a provare volentieri, ma con questo virus...

 


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

@kermit


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Anch'io , caro Kermit, sono stato a Viterbo in quel posto stupendo con quella incredibile vetrata sul centro storico, per il mio "battesimo del tornio".

Ho anche comperato il tornio "entry level" suggerito da Giacomo, ma vorrei proprio andare oltre...

Non ho capito a quale conclusione sei arrivato con quel pezzo di ulivo, passando dal Killinger 1450 al Vicmarc 300...


RispondiCitazione
Roberto Cecconello
(@roberto-cecconello)
Presidente , CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1725
 
Postato da: @marco

Quindi, Roberto, secondo te: un Vicmarc 240 ti permette di lavorare pezzi più grandi/lunghi di uno Stratos 230 ?

Non secondo me: uno swing di 240 è maggiore di 230,semplicemente. La lunghezza non entra in gioco:stiamo parlando di tornitura artistica non di falegnameria.Se interessa tornire oggetti come le colonnine e le,tristemente famose,gambe da tavolo..va benone anche anche un Damato. Però mi ripeto:a questo livello,discutere di dimensioni è come discutere del sesso degli angeli.

Il primo mi risulta avere un diametro dell'albero di 32mm scarsi e una distanza fra i cuscinetti di 150 mm, il secondo un diametro di almeno 35mm e una distanza fra i cuscinetti di 240mm.

E da queste misure (oltre allo spessore del materiale intorno agli alloggiamenti),posto che siano reali,puoi trarre le tue conclusioni.Aggiungi un 100 Kg di differenza a favore del Vic.

 

Pensando a pezzi grandi, quindi, il primo vale il doppio della spesa?

Se l'unico interesse sono i pezzi grandi (grandi quanto?) si può pensare ad un tornio da lastra riconvertito.Tre/quattro quintali di ghisa e uno swing da 300 e ci puoi tornire i lavabi.Spendendo,relativamente,poco.Basta avere un pavimento solido e agilità di giunture.

Il Vicmarc 240 non l'ho usato, possiedo un 300 ma penso che non ci siano grosse differenze,e credo che valga la pena acquistarlo nudo e poi farsi impianto e banco.La spesa decresce sensibilmente e la qualità rimane.

 Se "vale" la spesa di una macchina rispetto ad un'altra...dipende (come già detto) dalle tue attese,dai tuoi desideri,dal tuo confort,dal tuo modo di lavorare. A questo livello di torni niente e nessuno può dire:" quello è giusto" o "questo non vale la cifra".

Una Ferrari ti porta da casa al bar esattamente come una Fiat Panda. Se valga la pena spendere tanto per una Ferrari...lo decidi tu e nessun altro. 😉  

 

 

 


RispondiCitazione
Kermit
(@kermit)
Soci,CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1212
 
Postato da: @marco

Anch'io , caro Kermit, sono stato a Viterbo in quel posto stupendo con quella incredibile vetrata sul centro storico, per il mio "battesimo del tornio".

Ho anche comperato il tornio "entry level" suggerito da Giacomo, ma vorrei proprio andare oltre...

Non ho capito a quale conclusione sei arrivato con quel pezzo di ulivo, passando dal Killinger 1450 al Vicmarc 300...

Che per il minimo di differenza di giri, e 2cm di altezza in più rispetto il vicmarc 300, non sono abbastanza, secondo me, per giustificare la differenza di prezzo.. per chi ha una capacità maggiore, o vuole farne di mestiere o... Farà altri ragionamenti.

Riprendendo il paragone di Cecco:

Le vacanze: tenda, spider, SUV, moto, 4x4, camper o roulotte? Una volta che hai deciso cosa ti piace, allora cerchi il mezzo più adatto... 

O il compromesso migliore


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 20
Topic starter  

Grazie, ragazzi, per il prezioso aiuto!

Temevo il paragone automobilistico, perché la difficoltà nel dargli una risposta rende bene la quantità dei possibili punti di vista...

 


RispondiCitazione
Condividi:
Informativa Privacy
Copyright © 2021 A.I.A.T.L.