Notifiche
Cancella tutti

Stratos FU 230

Pagina 1 / 2

marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Buongiorno,

c'è qualcuno che possiede uno Stratos 230, in grado di darmi un parere sulla macchina ( in particolare, sulla lavorazione di pezzi "importanti", che richiedono la lunetta" )?

Grazie!

Marco

Trento


Citazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

Ciao omonimo..io ho il 230 e vado da Dio. X la lunetta se vuoi posso inviarti foto della mia autocostruita con poca spesa e x quello che fa sono molto soddisfatto.. Ciao e fammi sapere come aiutarti al meglio.. Complimenti x la macchina..tante soddisfazioni😉


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Buono a sapersi, Marco!

Ti è mai capitato di fare vasi grandi, tipo 30 x 60 cm ?

Il meccanismo di roto-traslazione della testa rotante ti ha mai dato problemi di stabilità ?


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

@marco  Problemi di rotazione ne ebbi anch’io quando volli provare i limiti della macchina buttando su un mezzo tronco molto irregolare ed ai limiti dell’altezza fra asse testa e letto..nonostante avessi bloccato la leva posteriore della testa piuttosto forte, ma senza che il blocco delle posizioni prestabilite fosse inserito, la testa aveva piccole oscillazioni sul letto..parlo di un paio di mm. Subito ci rimasi un po’ male, poi mi resi conto che i miracoli c’era uno che li faceva, ma non era lo Stratos 😳…avevo preteso troppo. Eliminate le esagerate irregolarità tutto filò liscio 😉..dimenticavo..la testa era leggermente ruotata ma non fino al blocco spina. Con pezzi regolari, anche di grandi dimensioni il problema sparisce..ovvio l’obbligo di giocare con gli rpm, aumentandoli via via che ci si avvicina alla cilindratura. Quindi, tirando le somme, più regolarizzi il pezzo prima di montarlo, meno problemi ti creerà, e questa è cosa ovvia..diverso è se il pezzo, pur piuttosto regolare esternamente, presenta grandi cavità. Queste scompensano fortemente la massa ricreando il problema…ho deciso di evitare il più possibile queste lavorazioni x non rovinare i cuscinetti dell’albero motore, che, pur se di dimensioni ragguardevoli, nel tempo possono perdere di precisione. Ad esempio ho riscontrato che esagerando con la pressione della contropunta, i cuscinetti cambiano rumore, salvo tornare ad una rotazione silenziosa quando, dopo aver ben “pressato” con la contropunta, la arretro un pelino e poi la rimando più delicatamente in appoggio. Questo è quanto ho riscontrato io..ma non sono un tornitore provetto. Credo che sia Gianni ad avere la stessa macchina..magari lui, che ci da’ di brutto a tornire, arricchirà queste osservazioni. Tu fa sapere se ho chiarito i tuoi dubbi e chiedi tranquillamente 😉 


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Grazie, Marco, per la generosità con cui racconti la tua esperienza!!

Sarei curioso di sentire questo Gianni, a questo punto; se ti capita, tu che sai chi è, digli che lo aspetto...

Marco

 


RispondiCitazione
Gianni
(@gianni)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 422
 

@marco credo di essere il Gianni in questione...

Secondo me lo Stratos fu 230 è un'ottima macchina, in tutta onestà non ho niente da aggiungere a quello che ha detto Marco. Io in verità pezzi particolarmente sbilanciati non ne ho mai fatti, ho tornito qualcosa fuori centro, ma in ogni caso cerco sempre di bilanciarli il più possibile con dei pesi posizionati ad hoc (per cui non ho riscontrato i problemi succitati). 

Per quanto riguarda l'uso della lunetta, nessun problema. Inoltre della dotazione standard fa parte un doppio cono morse utile a centrare perfettamente testa e contropunta ogni volta che si riporta in posizione normale la testa dopo che è stata ruotata. 

 


Marco Del Gaudio hanno apprezzato
RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Grazie anche a te, Gianni: la concordanza dei vostri pareri mi rassicura !


Marco Del Gaudio hanno apprezzato
RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Marco, scusami se approfitto ancora della tua disponibilità:

- ma quanti blocchi spina prestabiliti ha la macchina ? Fra questi, ce n'è uno a " rotazione 0 " ?

- se no, in quest'ultima posizione è solo la leva di bloccaggio che la tiene ferma ?


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

@marco nessun disturbo..la testa ha sicuramente 3 bloccaggi prestabiliti:

1 - parallelo al letto, ossia classica lavorazione tra le punte (presumo sia quello che chiami blocco “0”)

2 - inclinata verso l’operatore, non ho misurato i gradi, che uso spesso per scavare comodamente a rotazione contraria del motore;

3 - a 90 gradi, utilizzando il supporto laterale dove si monta il poggia utensile..diversamente non si riesce a lavorare di fronte al pezzo, ad esempio x scavarlo o intestarlo. (io non lo possiedo)
Le predette hanno il doppio bloccaggio (spina+leva). Non ho mai verificato se siano previste identiche posizioni al contrario, ossia ruotando la testa dalla parte opposta all’operatore…a logica direi di sì. Ovviamente le posizioni intermedie sono solo con blocco leva, che xò è piuttosto efficace 😉.

Spero di aver soddisfatto la tua richiesta 😳 


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

Integrazione (dopo verifica): le posizioni con blocco a spina sono 4: 

1 - 0 gradi

2 - 30 “

3 - 60  “

4 - 90  “

Dalla parte opposta non ci sono i corrispettivi blocchi intermedi. Presumo solo quello a 90 gradi che non ho potuto verificare xké avrei dovuto spostare il tornio, ma visto che sulle gambe c’è la predisposizione x attacco supporto…direi che a 90 gradi c’è 😉 

 


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Grazie Marco, troppo gentile!

Quindi, visto che il blocco a spina c'è anche a "0 gradi", il doppio cono morse di allineamento presumo serva solo se la testa è spostata in avanti, giusto ? O è perchè, anche con la spina inserita, c'è un certo gioco ?


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

@marco Quel doppio cono ha un costo, quindi se lo mettono nella dotazione un motivo ci sarà.. il perno di blocco permette alla testa di “muoversi” di alcuni mm a dx e sx..il doppio cono cono elimina questo movimento. Se guardi il manuale allegato le spiegazioni sono chiare (se conosci il tedesco, ma le foto sono abbastanza esaustive)..ovvio che il centraggio lo puoi fare anche senza (ad esempio non è fornito nelle versioni inferiori al FU 230) ma richiede un po’ più tempo…ma non è che non puoi tornire..ci vuole un po’ di pazienza in più.. Falla lavorare quella macchina…vedrai che con l’uso tante domande troveranno una “pratica” risposta. Buoni trucioli 😉 


Corvo hanno apprezzato
RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

La macchina non l'ho ancora comperata... è per questo che cerco tutte queste informazioni, prima della decisione finale!

In rete ognuno presenta il suo tornio, ma siti/video di confronto ( come invece hanno in abbondanza le motoseghe, ad esempio ) io non ne ho visti.

Per questa ragione, Marco, sei stato preziossisimo!

 


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1065
 

@marco se non ricordo male avevi già posto il quesito sulla scelta della macchina e Roberto ti aveva dato alcune informazioni, tutte importanti riguardo una eventuale scelta, xò capisco che, trattandosi di spesa importante, la decisione è alquanto difficile. Allora ti voglio dire 2 cosette un po’ diverse dalle solite delucidazioni e ti chiedo:

1 - ti piace tornire il legno?
2 - devi fare solo lavori ripetitivi? (gambe sedie o tavoli, colonnine ecc..)

3 - sai già cosa vuoi tornire? (vasi, piatti, ciotole scatole ecc ecc)

Ora, se al ne 1 hai risp SI 👍… al nr 2 SI 👎 lascia perdere la tornitura artistica…

X il nr 3…beh..io da 2 / 3 anni sto provando a realizzare un po’ di tutto..a tutt’oggi non ho trovato cosa esattamente mi piace/attizza realizzare xké mi piace tutto..magari un domani troverò la mia strada anch’io con qualche cosa di originale, oppure rimarrò un tizio che sa tornire un po’ di tutto, ma sarò come una pecora in mezzo al gregge..anonimo! Se noti ci sono persone che riconosci come autori di questa o quell’opera semplicemente guardando un loro pezzo..questi hanno trovato la loro strada. Quindi, riassumendo, fai il tuo acquisto in tutta tranquillità basandoti sulle risposte che avrai dato sopra. Se poi ti andrà male, un buon tornio lo vendi in 4 e 4 otto..e facci sapere cosa hai deciso di acquistare 😉 

 


RispondiCitazione
marco
(@marco)
Active Member Soci
Registrato: 6 mesi fa
Post: 18
Topic starter  

Caro Marco, ma tu fai l'insegnante? Da come mi hai preso per mano per guidarmi sulla mia strada ( "e-ducere= tirare fuori") mi è venuto di pensarlo...

Io mi sono avvicinato alla tornitura non per fare pezzi ripetitivi o performance di pura abilità tecnica ( es. tecnica sezionale ), dove la materia legno viene totalmente piegata ai gusti dell'artigiano ( vedi certi siti anglosassoni: aiuto...! ).

Io vorrei provare a lavorare come Ernst Gamperl ( vedi il suo sito www.ernst-gamperl.de, e capisci subito; mi piacerebbe molto avere un tuo commento "estetico" al riguardo !).

Ciò significa avere sulla macchina pezzi piuttosto grandi ( 30 x 50 ad esempio ) ed a sbalzo: da qui deriva la mia difficoltà di scelta.

Oltre al mio attuale tornietto da 400 euro, l'unico riferimento che ho è il Vicmarc 175 ( su cui ho potuto lavorare per alcune giornate con un insegnante in val dei Mòcheni, vicino a casa mia ), sul quale - anche montando pezzi grandi - non si muove veramente niente ( nel caso, mi piacerebbe il Vicmarc 230 ).

Lo Stratos 230 è una ragionevole alternativa, che però non ho mai provato e che quindi devo valutare " a distanza".

Al di là della qualità delle macchine, mi dà da pensare l'apparato informativo on-line a corredo del prodotto: da una parte hai veramente di tutto ( foto della linea di produzione, suggerimenti, video dei principali interventi tecnici ecc.), dall'altra neanche tutte le misure...

E' il solito problema degli acquisti on-line: comperare senza toccare...

Marco

mareandco@yahoo.it

 

 

 

 


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi:
Informativa Privacy
Copyright © 2021 A.I.A.T.L.