Finitura per penne
 
Notifiche
Cancella tutti

Finitura per penne


Nicola Tonarelli
(@nicola75)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 697
Topic starter  

Chiedevo a chi più esperto consigli per fare una buona finitura durevole ma che non da quel senso di plastica che si ottiene con la ciano ,oltretutto la ca non è che sia tanto salutare.

Grazie 🤗

 


Citazione
Alessandro Saraceno
(@ceno)
Estimable Member Soci
Registrato: 11 mesi fa
Post: 235
 

Non sono esperto, ma uso la lacca melaninica, ho pubblicato oggi una penna


Nicola Tonarelli hanno apprezzato
RispondiCitazione
Alessandro Saraceno
(@ceno)
Estimable Member Soci
Registrato: 11 mesi fa
Post: 235
 

Allora io procedo cosí,

carteggio fino a 400

Turapori diluito al 50% con nitro e poi passo paietta 000

Poi 3 mani di lacca melaninica diluita al 50% con nitro, a tornio fermo, e paietta 0000 tra una mano e l'altra

Un ultima mano di melaninica leggermente più abbondate, dopo 15/20 minuti lucido con un panno di carta, facendo gradualmente un po di pressione.Tolgo dal tornio cercando di non toccarla con le mani usando il panno carta, e la lascio riposare qualche giorno prima di montarla, in modo che asciughi bene la lacca, prima di assemblarla puoi dare un'altra lucidata rimettendola nel mandrino

 


RispondiCitazione
Roberto Cecconello
(@roberto-cecconello)
Presidente , CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1830
 

Io non mi ritengo un "pennaiolo"..ne ho fatta qualcuna.

Carteggio fino 320/400

Normalmente,dopo l'ovvio turapori nitro in due mani intervallato da carteggiatura 320 stendo due/tre mani di vernice cellulosica (Alkidina) opaca carteggiando dopo ogni stesura tranne dopo l'ultima.

In qualche esemplare ho utilizzato una poliuretanica monocomponente al posto della nitro,sempre opaca.

 


Nicola Tonarelli hanno apprezzato
RispondiCitazione
Nicola Tonarelli
(@nicola75)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 697
Topic starter  

@roberto-cecconello

Grazie Roberto, ho inserito alkidina su Google ed è venuto fuori "tornitura di guido" dove parla delle finiture e questa usata da te👍😉

Dove compri il prodotto arrighini?

Il turapori sayerlac alla nitro va bene? 


RispondiCitazione
Nicola Tonarelli
(@nicola75)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 697
Topic starter  

@ceno

Grazie Alessandro per la tua spiegazione👍😉 una domanda, io ho il turapori della sayerlac alla nitro, lo devo diluire ulteriormente ? Dove compri la lacca melaninica? Ho visto su Amazon 37€😱😢


RispondiCitazione
Alessandro Saraceno
(@ceno)
Estimable Member Soci
Registrato: 11 mesi fa
Post: 235
 

@nicola75  sul turapori non saprei dirti, io uso quello della chessnut, la lacca della stessa marca dall'emporio, non ricordo il prezzo


Nicola Tonarelli hanno apprezzato
RispondiCitazione
Roberto Cecconello
(@roberto-cecconello)
Presidente , CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1830
 
Pubblicato da: @nicola75

@roberto-cecconello

Grazie Roberto, ho inserito alkidina su Google ed è venuto fuori "tornitura di guido" dove parla delle finiture e questa usata da te👍😉

Dove compri il prodotto arrighini?

Il turapori sayerlac alla nitro va bene? 

Quando ero in Piemonte,avevo il rivenditore a pochi Km da casa (e aveva di tutto e di più visto che forniva le falegnamerie in zona).Ora compro on line,dove trovo il prezzo più basso 😉 

I turapori vanno tutti bene. Quelli da falegnameria (confezione  da lavoro non da esposizione) funzionano bene e sono più convenienti. Sayerlac è un ottimo marchio 😉 


Nicola Tonarelli hanno apprezzato
RispondiCitazione
Corvo
(@corvo)
Trusted Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 67
 

         Nicola, provo a dire la mia per copletare di più il discorso :

Il Turapori che voi menzionate è un praimer che si usa a legno nudo per base o fondo per ricevere ulteriori prodotti di finitura:

         La percentuale di solvente per diluire varia in funzione della porosità del legno; esempio: un legno di faggio si può dire

senza poro si può allungare anche al 50%, ma uno di rovere dal poro profondo se si diluisce così tanto ai voglia di mani per

chiuderlo ! in falegnameria in questo caso diluiamo al 20%,una mano abbondate e si carteggia in profondità.

         I prodotti al solvente come turapori o fondo che si dica sono  migliori in prodotti da carteggiare perchè fanno polvere

sotto la carta perciò viene una superfice molto fine per le sucessive mani e possono ricevere finiture anche acriliche, invece i

fondi o turapori acrlici all'accqua raddrizzano i peli però al momento di carteggire sotto la carta fanno il taccone perche sono

dopo l'assiugatura,  prodotti gommosi e pertanto non si riuscirà a fare una superfice fine.

          Poi per completare;  i prodotti acrilici non sopportano quelli al solvente, viceversa quelli al solvente  sono adatti per

ricevere i fondi acrilivi per una superfice finale ottima.            Un saluto a tutti Voi. !

 

 


RispondiCitazione
Condividi:
Informativa Privacy
Copyright © 2021 A.I.A.T.L.