Cedrata di hollowin...
 
Notifiche
Cancella tutti

Cedrata di hollowing


Sirio
(@sirio)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 21
Topic starter  

Mi gustavo una cedrata mentre guardavo una live di hollowing di Ellsworth, apprezzando le capacità di impiego della sgorbia e di realizzazione delle forme di questo gande tornitore. Ho deciso di provare a fare qualcosa di analogo, utilizzando alcuni prezzi di cedro, appunto.

Ho realizzato, quindi, tre forme, che ho poi arricchito con un fiore ciscuna. Le forme sono realizzate, due lungo fibra e una al traverso, dove appare evidente quanto, indipendementemente dal loro design, quella con fibre al traverso sia molto più accattivante.  Le forme sono finite con olio di girasoli e con cera. Torvo interessanti anche i fiori, che presentano lo stelo curvato, che parte al centro del foro, senza toccarne il bordo.   

21 Hollowing cedro copia

 

21 Hollowing cedro fioriti copia
21 Hollowing cedro fioriti1 copia

Citazione
Emiliano
(@emiliano)
Reputable Member Soci
Registrato: 1 anno fa
Post: 292
 

Complimenti! Mi piaciono la composizione di forme equilibrata e i fiori 🙂 


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1316
 

Bella varietà di forme..ben eseguite e rifinite..molto bravo👍👍👍 vedo che nei tuoi lavori usi l’olio di girasole..nel tempo non irrancidisce? Hai un motivo x usarlo al posto del canonico lino? Grazie😌


RispondiCitazione
Nicola Tonarelli
(@nicola75)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 742
 

Complimenti Sirio hai fatto degli ottimi lavori😉👍, per quanto riguarda la finitura mi associo alla domanda posta da Marco. 


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1316
 

Dimenticavo i fiori🙄..belli!! Conosci Yamabiko?🤔


RispondiCitazione
Sirio
(@sirio)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 21
Topic starter  

Confesso che apprezzate le forme, non perchè le abbia pensate io, ma in quanto mi sono ispirato a quelle di Ellsworth.

Tornando all'olio, premetto che non ho mai provato l'olio di lino, nè crudo, nè cotto. Semplicemente non mi piacciono gli oggetti  lucidi se sono di dimensioni significative; per oggetti di piccole dimensioni uso la cera carnauba o similari. Un esperto tornitore mi indicò l'olio di girasoli, che ho imparato ad usare e non mi dispiace: tende ad ingiallire il pezzo ma non troppo, rende le superfici molto lisce e vellutate funzionando come turapori e quando ben asciutto accetta anche una ulteriore finitura a cera, che comunque non rende molto lucidi gli oggetti, ma semplicemente semilucidi, lisci e con un effetto naturale.

Ecco come lo uso: finito l'oggetto passo una bella pennellata di olio e, poco dopo, levo gli eccessi e rendo omogenea la finitura stendendola con un panno e poi lascio asciugare. Qualche giorno dopo dò una passata con scotch bright molto delicato e qualche volta lo spazzolo anche al tornio a 2500 giri; fine così o anche cera con le spazzole. Non lo uso in più mani, come si fa con olio danese o tung; in questo caso effettivamente irrancidirebbe e "impiastriccerebbe" il pezzo. Non uso gli olii che ho citato, nè in mano singola, nè in più mani, in quanto, per me, "tingono" troppo il pezzo alterando e scurendo i colori del legno. Il principale difetto che trovo anche nell'olio di girasoli è che altera anch'esso il colore delle venature, tendendo al giallo. Mi piacerebbe un olio veramente neutro, ma penso non esista.

Concludo dicendo che non sono un esperto. Comunque, vorrei provare anche l'olio di lino, tanto per vedere la differenza. Lo usate come da me descritto o con più mani? Quale mi consigliate?


RispondiCitazione
Sirio
(@sirio)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 21
Topic starter  

Fiori. Ho acquisito la capacità di farli, partendo dal video che trovate qua sotto. Non sono facili da farsi e ho avuto molte rotture prima di capire come fare. Meglio farli di legno veramente verde e poi, quando secchi, rifinirli con la carta

https://www.youtube.com/watch?v=8v2Qk_AVd2I&list=RDCMUC9yk9ERq4596_Mjg9DDIAzQ&start_radio=1&rv=8v2Qk_AVd2I&t=338


RispondiCitazione
Corvo
(@corvo)
Trusted Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 72
 

@sirio     L'olio di lino,cotto o crudo colora e ingiallisce : un olio neutro è di vasellina o parafina, poi finisci

con cera d'api liquida o solida mentre gira suil tornio.   Poi vedrai nel tempo che quando andrai a pulirli con

uno straccetto di cotone tornerà sempre bello senza mai dare altri prodotti !  L'ho menzionato altre volte

nalle mie risposte .                                  Ciao , Sirio a presto.


RispondiCitazione
Marco Del Gaudio
(@babbus)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 1316
 

non mi sbagliavo..è Yamabiko😉..che mi piace molto..in merito agli oli, leggiti l’interessante articolo di Roberto sulle finiture😉..lo trovi seguendo: Forum>Imparare a tornire>Le finiture 👍..personalmente a volte uso l’olio paglierino rosso, che, aldilà del nome e del colore che spaventano molto😄, in realtà dona un minimo accenno di “rosatura” del legno..appena percettibile e gradevole, che ha la caratteristica di evidenziare venature appena percettibili..lo usai sul pesco, di per sé molto molto chiaro, quasi anonimo, e ne uscirono venature bellissime. È un olio NON essiccativo, quindi ha proprietà solo estetiche e non di protezione come il lino e costa molto poco. Ovviamente non reagisce allo stesso modo su tutte le essenze, quindi..suggerisco una passatina di “verifica”…io, dato il prezzo, lo proverei😉 e mi procurerei del lino cotto (più veloce del “crudo” e con medesimi risultati (mi pare)..ciao, chiedi pure se qlcs non ti è chiaro..

un piccolo suggerimento: se decidi di rispondere ad un mio post, clicca su “citazione” e scrivi lì..così mi arriva la notifica😉


RispondiCitazione
Sirio
(@sirio)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 21
Topic starter  
Pubblicato da: @babbus

non mi sbagliavo..è Yamabiko😉..che mi piace molto..in merito agli oli, leggiti l’interessante articolo di Roberto sulle finiture😉..lo trovi seguendo: Forum>Imparare a tornire>Le finiture 👍..personalmente a volte uso l’olio paglierino rosso, che, aldilà del nome e del colore che spaventano molto😄, in realtà dona un minimo accenno di “rosatura” del legno..appena percettibile e gradevole, che ha la caratteristica di evidenziare venature appena percettibili..lo usai sul pesco, di per sé molto molto chiaro, quasi anonimo, e ne uscirono venature bellissime. È un olio NON essiccativo, quindi ha proprietà solo estetiche e non di protezione come il lino e costa molto poco. Ovviamente non reagisce allo stesso modo su tutte le essenze, quindi..suggerisco una passatina di “verifica”…io, dato il prezzo, lo proverei😉 e mi procurerei del lino cotto (più veloce del “crudo” e con medesimi risultati (mi pare)..ciao, chiedi pure se qlcs non ti è chiaro..

un piccolo suggerimento: se decidi di rispondere ad un mio post, clicca su “citazione” e scrivi lì..così mi arriva la notifica😉

Gran bell'articolo, dettagliato, preciso e esaustivo. Sapevo già dei suoi contenuti e, nel tempo, avevo gia provato quasi tutti i prodotti, incluso il red oil, che non mi piacque perchè cambiava troppo il colore naturale. Proverò l'olio di lino cotto in alternativa a quello di girasole. Grazie

 


Marco Del Gaudio hanno apprezzato
RispondiCitazione
Bruno Bologni
(@brunino)
Reputable Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 925
 

gran bei pezzi Sirio e dal vero ancor più belli, sulla questione degli oli non mi pronuncio perchè non sono esperto ma devo dire che dietro tuo consiglio ho provato l'olio di girasole con soddisfazione


RispondiCitazione
Sirio
(@sirio)
Eminent Member Soci
Registrato: 8 mesi fa
Post: 21
Topic starter  

tempo fa, per capire la differenza tra i vari olii, li ho applicati su diversi pezzi uguali dando una sola mano, come se fosse un turapori e strofinandoli poco dopo. Mi riferisco a olio di girasoli, tung, danish, teak e tremertina pura; non ho provato l'olio di lino, che non avevo. Gli effetti tattili sui pezzi e di risalto delle venture sono stati abbastanza uguali; la differenza è stata che quello di girasoli ha colorato (macchiato) di meno il pezzo, mantenendolo molto di più al naturale. Tutti i pezzi oliati differentemente hanno poi accettato ugualmente una passata di cera, ma la sopracitata differenza di colore si è ampliata. 

Sono, quindi, arrivato alla seguente sintetica conclusione, sicuramente discutibile:

oggetto lucido:  turapori color neutro alla nitro in una o più mani con carteggiatura accurata e fine; 1  cera carnauba data al tornio o con le spazzole se desidero il pezzo molto lucido,oppure 2 cera in pasta mista con carnauba data a pennello e lucidatura se desidero il pezzo non lucidissimo;

oggetto con effetto naturale: olio di girasoli con spazzolatura se desidero il pezzo al naturale; se lo desidero leggermente lucido, passata di cera  


Marco Del Gaudio hanno apprezzato
RispondiCitazione
Roberto Cecconello
(@roberto-cecconello)
Presidente , CD
Registrato: 2 anni fa
Post: 1953
 

Belle torniture,ben eseguite e ben finite 😉 

L'olio di semi di girasole è un semisiccattivo (ovvero possiede i legami chimici per polimerizzare ma blandamente) e quindi richiede tempi molto lunghi per filmare;ecco perchè il trattamento "bagnato su bagnato" tende a impiastricciare.

Per non avere variazioni di colore del legno si può utilizzare l'olio di semi di lino crudo e chiarificato;un leggero ingiallimento sarà comunque presente nel tempo (comunque ben lontano dai toni profondi dei classici siccativi addizionati).

Per palati raffinati consiglio l'olio di cartamo,sempre un siccativo,che è pressochè incolore e resistente all'azione dei raggi UV.


Emiliano e Corvo hanno apprezzato
RispondiCitazione
Anto
 Anto
(@anto)
Trusted Member Soci
Registrato: 2 anni fa
Post: 92
 

Molto belli Sirio e spero in primavera di vederli di persona per i fiori prima o poi proverò anche io, anche se non sono attratto dal genere, un salutone e se vieni verso Roma fatti sentire magari ci incontriamo 😀 😎 


RispondiCitazione
Condividi:
Informativa Privacy
Copyright © 2022 A.I.A.T.L.