Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nascondi AIATL
  Associazione
  Spazio alle donne
  Concorsi
  Totem
  Tornitura Del Mese
kity



Sono Kity, nata in Francia, italiana d'adozione.
Vivo a Roma e sono una tornitrice.

Perchè il tornio?
Non lo so.
So solo che è entrato nella mia vita con prepotenza, all’alba dei miei 50 anni.
So solo che quando mi trovo nel mio laboratorio, sgorbie in mano, mi sento viva, costruttiva. Quando vedo il mio pezzo di legno prendere la curva che gli volevo dare, oppure resistermi e diventare quello che voleva lui, lo guardo come quando vedo un bimbo che gattona per la prima volta e che so che camminerà e diventerà adulto.

Tornando in dietro negli anni, forse posso trovare una spiegazione.
Mio padre, nel tempo libero, si chiudeva nel suo garage con dei vecchi pezzi di legno e ne usciva con mobili bellissimi. Io ero piccola e non mi era permesso entrare. Era un mondo tutto suo e non voleva dividerlo con nessuno. Stavo ore davanti a quella porta chiusa, a sentire rumori di trapano, martello, carta vetrata, sega e a inebriarmi con gli odori del legno e delle cere.
Diventata adulta il caso ha voluto che lavorassi ,per racimolare qualche soldino ,da un architetto che usava ogni tanto il tornio; quando si metteva a tornire, di soppiatto, lo osservavo. E quando sapevo che non veniva allo studio, di nascosto, mettevo un pezzetto di legno tra le punte e lo facevo girare, sognando quel che ne avrei potuto ottenere.
Negli anni seguenti, la famiglia, i figli, la vita quotidiana hanno fatto si che tutte queste meravigliose sensazioni,i rumori delle lavorazioni e gli odori del legno e delle cere,rimanessero nel cassetto dei sogni.
Arriva il 29 settembre 2007! Arriva il Tornio. I miei ragazzi, a mia insaputa, trasformarono una vecchia cantina in laboratorio, con sega a nastro, trapano, una troncatrice e il tornio corredato con tre sgorbie di cui all'epoca non sapevo nemmeno il nome. Il mio regalo fu la chiave di quel paradiso.
I primi mesi passavo ore nell'atelier, a non fare niente, mi accontentavo di odorare, di far finta di tornire, di sognare quello che avrei voluto realizzare. Avevo paura di non essere capace di tornire e così ogni volta mi dicevo “è la volta buona, oggi faccio sul serio” e invece no.
Poi, dopo aver visto diversi filmati su internet (erano diventati come una droga), e vergognandomi delle mie paure e soprattutto sentendomi in colpa nei confronti dei figli che avevano investito tanto per quel regalo, mi sono buttata e ce l'ho fatta! Ed era semplice! Tutti questi mesi persi in esitazioni! Che spreco!
Con quelle tre sgorbie, per 3 anni, ho tornito, tornito e tornito.
Ma sentivo sempre di più la necessità di fare meglio! Vedevo che il mio lavoro era diverso da quello dei maestri nei video. Mancava un ulteriore aiuto.
Ho fatto un primo corso, di due giorni; l'ho fatto però molto superficialmente. Poi tornata a casa, per vari motivi ( la paura che il corso non mi fosse servito a nulla e non avevo soldi per comprare altre sgorbie) ho lasciato per mesi gli attrezzi sul banco da lavoro.
Ma mi mancavano troppo quei profumi e allora decisi di ritornare al laboratorio e.....al diavolo il maestro, tornisco come so fare, con quello che ho, anche se non sarà perfetto.
Nel frattempo frequentando i fori in Rete,conosco amici tornitori e divento sempre più invidiosa della loro sapienza. Non posso più accontentarmi. Risparmio e compro una profilare, una sgorbia da sgrosso e una da scavo.
Ma non mi ricordo più come si usano.
E allora un secondo corso, fatto stavolta quasi con religiosità.
Sgrossare diventa così semplice. L'uso della profilare? Ma che sciocchezza! Scavare, beh.... diciamo che me la cavo.
Non diventerò mai un artista del tornio, non farò mai quello che fanno certi Maestri, ma non importa. Godermi in pieno i profumi del legno, sentire che le sgorbie fanno parte del mio corpo, l'ubriacatura del tornio che gira, e infine dopo aver vissuto tutte queste sensazioni, vedere un mio pezzo finito, mi rende felice ed è quello che conta.

schermata_2015_04_02_alle_09_29_36


User Block



Utente:

Password:




Ho dimenticato la password

Non ti sei ancora registrato?
Cosa aspetti? Iscriviti, è gratis!